Collage_piante-officinaliweb

Piante officinali in Calabria

Ginestra

Spartium junceum 

Famiglia: Papillonaceae

I greci, i romani e i cartaginesi usavano tale fibra per tessere le vele delle loro navi. La fibra si ricava dai rami (vermene) tagliati dopo la fioritura, battuti, messi a macerare per una settimana, battuti di nuovo, fatti asciugare, stigliati e poi cardati. La fibra grezza è usata per preparare corde, fili, sacchi e reti da pesca; quella più raffinata è usata per preparare una stoffa forte, di colore scuro, che col tempo e l’uso diventa bianca.

 

Habitat

Cespuglieti in stazioni soleggiate da 0 a 1200 m s.l.m.

Morfologia

Arbusto alto da 50-150 cm, fusti verdi cilindrici  compressibili ma tenaci, eretti o ascendenti ramosissimi. Foglie precocemente caduche alla fioritura più o meno scomparse,  lanceolate. Fiori in racemi terminali, bassi peduncoli obconici, corolla giallo intensa con carena a risalto, legume eretto un po’ falciforme, pubescente.

Parti utilizzate:

Fusto e fiori

Usi

Usi tradizionali

Artigianale: tessitura, culto, estrazione essenza.

Modalità di utilizzazione: tra la fine di luglio ed agosto venivano tagliati i rami e raccolti in “mannelli”, cioè in mazzi. Le “ventine” cioè venti mannelli, venivano messe a bollire, fino a  quando, toccando la parte esterna, questa tendeva a staccarsi. Venivano poi messe nell’acqua corrente; dopo un periodo di macerazione di circa venti-venticinque giorni, si toglievano dall’acqua e, a fasci, si battevano sulla sabbia con una mazza di legno (o si strofinava con i piedi) in modo da eliminare i “restucci” (i residui legnosi). La ginestra veniva “ricalata” nell’acqua corrente per lavarla dalla sabbia e poi messa ad essiccare al sole. Si ottenevano così dei batuffoli da filare e tessere. La fibra della ginestra era molto più grezza di quella del lino e veniva impiegata per asciugamani, tovaglie, sacchi, “cirme” e “cirmelle” in cui conservare farina, per teli sui quali essiccare i  fichi, etc. Di ginestra erano le calze della donna e in genere dei contadini. In occasione della processione del Corpus Domini i fiori venivano raccolti e poi buttati a terra poco prima del passaggio dell’Ostia Consacrata. I fiori sono utilizzati per l’estrazione della concreta.

Nomi dialettali

jinostra, calavrune, cinestra, inestra, janipru, percassu, pilarrune, pirogatu, pirunara, sazulla, sbragasciu,  scalidda.

Spartium junceum: pianta - fiore- semi- saponi all'essenza di ginestra

Le notizie riportate nelle schede monografiche sono solo informative. L’eventuale uso delle essenze deve essere effettuato seguendo le indicazioni di personale specializzato.

Per segnalare altri usi tradizionali della pianta, nomi dialettali o altre curiosità invia una mail a arsacweb@gmail.com