campanella-coco-gialla-roggianeseweb

Salvaguardia della Biodiversità agraria di interesse regionale, progetto didattico ARSAC e IIS Majorana di Corigliano-Rossano

L’ARSAC dall’emanazione della legge regionale n. 14 del 2018 sulla Salvaguardia e Tutela della Biodiversità di interesse agrario regionale ha avviato attraverso i propri Centri Sperimentali Dimostrativi un’intensa attività di recupero e di conservazione di specie vegetali di interesse agrario a rischio scomparsa. Nell’ambito di queste funzioni, annualmente vengono condotte con istituti scolastici della Regione, specifiche attività didattiche dedicate al tema della Salvaguardia della Biodiversità di interesse Agrario della Regione Calabria.

In quest’ambito, grazie alla convenzione stipulata con l’IIS Majorana di Corigliano-Rossano sono state avviate per il 2022 attività di studio, moltiplicazione e conservazione di antiche varietà di peperone, pomodoro e fagiolo, i cui semi sono conservati presso il Centro Sperimentale Dimostrativo Arsac di Molarotta.

Nel mese di aprile, nelle strutture dell’azienda agricola dell’Istituto Tecnico Agrario di Rossano sono stati messi a dimora in serra i semi delle accessioni di colture orticole locali affidati dall’ARSAC, per saggiare in ambiente diverso la risposa vegetativa e produttiva. Le varietà trasferite sono le seguenti:

Peperone Pomodoro Fagiolo
“LUNGO ROGGIANESE” DOLCE CAMPANELLA CIOTA SERPIATA
“SALVATORE” DOLCE GARAFEDDA FAVETTA BIANCA
BEDDA FACCIUZZA
COCO GIALLA
PAESANO
NERO DI CALABRIA

A fine maggio è stato effettuato il trapianto in pieno campo delle piantine utilizzando una superficie di circa 200 mq.

Alcune immagini dei prodotti raccolti a fine ciclo vegetativo.

Tutte le attività sono state svolte con il totale coinvolgimento di studenti, docenti e personale tecnico dell’Istituto Tecnico Agrario.

In particolare gli studenti dell’Istituto oltre ad aver partecipato direttamente a tutte le fasi di coltivazione delle specie in conservazione, sono stati stimolati ad osservare le piantine durante il ciclo colturale al fine di rilevare i parametri di crescita, eventuali fisiopatie verificatisi (es. stress da caldo) ed attacchi parassitari. I dati raccolti (caratteri fenologici e morfologici ed il peso dei semi) sono stati inseriti in apposite schede descrittive morfologiche

Per il 2023 proseguiranno le attività di moltiplicazione e conservazione della Biodiversità agraria con nuove prove dimostrative già programmate con i tecnici dell’ARSAC e con i docenti della scuola.

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Publicato da Arsac Ufficio Marketing Territoriale

error: Contenuto protetto