Olive da tavola in primo piano nel concorso Monna Oliva 2019 che si terrà a Villapiana (CS) il 17 e il 18 Maggio

Notizie ed EventiCommenti disabilitati su Olive da tavola in primo piano nel concorso Monna Oliva 2019 che si terrà a Villapiana (CS) il 17 e il 18 Maggio

 È in corso di svolgimento la VI edizione del Concorso MONNA OLIVA -Premio Nazionale per le migliori olive da tavola- organizzato dall’U.M.A.O. (Unione Mediterranea Assaggiatori Olio). Il Concorso, riservato alle olive da tavola prodotte e trasformate in Italia, è un riconoscimento all’operosità, alla professionalità e alla passione che i migliori produttori italiani dedicano all’ottenimento di olive da tavola di qualità superiore e uno stimolo per tutto il settore olivicolo a proseguire nel virtuoso cammino verso l’eccellenza. Lo scopo è anche quello di potenziare l’immagine di alta qualità che viene riconosciuta da tempo al prodotto italiano, sia a livello nazionale che internazionale. La manifestazione ha così l’ambizione di diventare un importante punto di riferimento e di costruttivo confronto fra le diverse realtà produttive italiane sulle problematiche e sull’evoluzione della produzione e dei consumi del settore delle olive da tavola in Italia, e sulle migliori strategie per affrontare mercati sempre più globalizzati e una concorrenza sempre più agguerrita.         In Italia, le diverse condizioni pedo-climatiche che si riscontrano nelle numerose Regioni olivicole, il ricco patrimonio varietale, nonché il lavoro, la professionalità e la determinazione a garantire al consumatore un prodotto eccellente, genuino e sicuro, consentono di produrre olive da tavola con una diversificazione di sapori sconfinata, con sentori che, con numerosissime sfumature consentono di soddisfare anche i palati più esigenti e raffinati.

La fase selettiva del concorso si è svolta a Roma dal 3 al 5 maggio u.s. ad opera di una Giuria composta da 20 commissari provenienti dalle diverse regioni italiane ed arricchita anche da assaggiatori stranieri, presieduta dal Capo Panel riconosciuto dal COI (Consiglio Olivicolo Internazionale) Ivano Caprioli. La partecipazione è stata ampia e rappresentativa di tutte le regioni produttrici: Liguria, Marche, Abruzzo, Lazio, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Come negli anni passati, i produttori di olive da tavola italiani hanno sottoposto le loro produzioni ad una gara che ha valutato sensorialmente le migliori preparazioni suddivise in varie categorie: olive al naturale, verdi, cangianti e nere; olive in salamoia, addolcite con il sistema sevillano o castelvetranese; olive nere ottenute per ossidazione o grinze al sale o infornate ed infine olive condite. Dopo aver portato la cerimonia della Premiazione nei territori di produzione delle olive da tavola a DOP (Denominazione di Origine Protetta), certificazione europea che riconosce la validità della produzione territoriale, quest’anno l’evento si svolgerà a VILLAPIANA (CS) il 17 e 18 maggio 2019, accompagnato da un Focus sul mondo delle olive da tavola che contribuirà a fare chiarezza sullo stato dell’arte nel mondo olivicolo e della trasformazione delle olive da mensa, sostenuto anche dai tecnici del settore. Attraverso le esperienze dei produttori, i quali pur tra mille difficoltà legate sia alla burocrazia che ai cambiamenti climatici, sono sempre in prima fila per offrire al consumatore prodotti di eccellenza.

La scelta della Calabria quale sede per la premiazione di “Monna Oliva 2019”, è stata effettuata per permettere di conoscere la volontà di rilanciare le attività economiche in un territorio che sempre più si cimenta in sfide di mercato a livello nazionale ed internazionale. Numerosi gli eventi collaterali: una visita guidata presso il campo collezione del germoplasma olivicolo del mediterraneo presso il Centro Sperimentale dell’Arsac di Mirto di Crosia (CS), un workshop in cui relazioneranno ricercatori del CREA-OFA di Rende (CS), docenti della facoltà di agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, funzionari dell’Arsac, ecc. In un anno dove la campagna olearia è stata particolarmente negativa, nuove produzioni si sono aggiunte a quelle delle edizioni passate, segno inequivocabile dell’interesse per questo settore.

© 2016 - ARSAC | Azienda Regionale per Lo Sviluppo dell'Agricoltura Calabrese