caulonia convegno 1

“Innovazione e prospettive in agricoltura” è il tema del convegno che si è svolto a Caulonia Marina

L’Innovazione e le prospettive dell’agricoltura, del comprensorio dell’Alta Locride, sono stati al centro del convegno che si è svolto a Caulonia Marina, organizzato dall’Amministrazione Comunale, che ha visto la partecipazione di numerosi cittadini ed operatori professionali che hanno seguito con estrema attenzione i lavori protratti fino a tarda serata.

L’iniziativa è nata dall’esigenza di esaminare lo stato dell’agricoltura locale, definire le azioni da intraprendere nel medio breve periodo e creare una rete-sistema tra gli Enti e le Istituzioni del settore a livello locale: Comune, Istituto Tecnico Agrario, Consorzio di Bonifica e Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese (ARSAC).

Il Dirigente dell’Istituto Tecnico Agrario, Ing. Ilaria Zanoni, ha illustrato i percorsi formativi e i progetti della scuola che prevedono, tra l’altro, la realizzazione di una avveniristica serra fuori suolo attrezzata con impianti tecnologicamente all’avanguardia, per formare i nuovi tecnici e imprenditori del settore. I cambiamenti climatici e le nuove esigenze idriche sono stati gli argomenti affrontati da Benito Scazziota, Dott. Agronomo ARSAC, che si è soffermato sulla promozione di un sistema territoriale di centraline meteoclimatiche che consenta di definire i fabbisogni idrici delle colture agrarie. Il presidente del Consorzio di Bonifica Alto Ionio reggino, Ing. Pasquale Brizzi, si è soffermato sulle problematiche legate alla obsolescenza della rete irrigua, ha illustrato il piano del consorzio finalizzato all’adeguamento delle forniture idriche con le esigenze agronomiche delle coltivazioni ed i cambiamenti climatici.

Il Dottore Vincenzo Maione, Agronomo ARSAC, ha relazionato sugli Organismi Nocivi di possibile introduzione dai Paesi terzi e che potrebbero arrecare danni gravissimi alle coltivazioni agrumicole. Ha illustrato inoltre le attività svolte dell’ARSAC, anche attraverso il supporto tecnico del Centro di Divulgazione Agricola di Caulonia quali:

  • valorizzazione e recupero della cultivar locale Biondo di Caulonia con il prelievo delle marze per il risanamento fitosanitario, presso il CREA-OFA di Acireale;
  • nell’ambito del progetto Interregionale Biodiversità censimento del Biondo di Caulonia nelle Risorse Genetiche Vegetali a rischio di erosione genetica;
  • congiuntamente con il CRSFA -Basile Caramia di Locorotondo, iscrizione della varietà al Registro nazionale delle piante da frutto di varietà storiche e autoctone, Decreto Ministero Agricoltura 25 febbraio 2020.

Il Dottore Marco Caruso Ricercatore del CREA – OFA di Acireale, ha relazionato sulle innovazioni varietali degli agrumi presenti a livello mondiale e sul lavoro svolto dal Dott. Giuseppe Russo, per il risanamento fitosanitario del Biondo di Caulonia, fornito dal Centro ARSAC di Caulonia.

Il prof. Giovanni Agosteo, Direttore Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria ha illustrato i vari aspetti della sostenibilità e resilienza del sistema agroalimentare in relazione ai cambiamenti climatici.

L’incontro si è concluso con l’intervento del Consigliere Regionale Salvatore Cirillo che si è complimentato sulle relazioni svolte dai relatori e con l’amministrazione comunale per l’iniziativa.

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

Publicato da Arsac Ufficio Marketing Territoriale

error: Contenuto protetto