Il fagiolo “Poverello Bianco”, un eccellente ecotipo calabrese di legume

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Il Fagiolo poverello bianco, un ecotipo della specie Phaseolus vulgaris L., che si coltiva nel territorio del Parco Nazionale del Pollino.

di Luigi Gallo(*)

(*)Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese (ARSAC) – Ce.D.A. n.2 – Castrovillari (CS)

Tra il grande numero di specie ed ecotipi locali di legumi Calabresi – recuperati e rilanciati dall’ARSAC – spicca il Fagiolo poverello bianco, un ecotipo della specie Phaseolus vulgaris L., che si coltiva nel territorio del Parco Nazionale del Pollino nelle aree irrigue dei comuni di Mormanno, Laino Castello e Laino Borgo in provincia di Cosenza. L’area di questi comuni, interessata alla coltivazione del Fagiolo poverello bianco oltre che all’orticoltura tipica, è ricca di peculiarità naturalistiche, architettoniche, paesaggistiche e archeologiche. Partendo da una indagine conoscitiva e dalla caratterizzazione qualitativa della granella, il Ce.D.A.n. 2 dell’Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese (ARSAC) di Castrovillari (CS), in collaborazione con prestigiose istituzioni di ricerca come l’Istituto di Bioscienze e Biorisorse del CNR di Bari, il CREA-Centro Ricerca per l’Orticoltura di Pontecagnano (SA), l’Unversità Mediteranea di Reggio Calabria, l’ENEA, ecc., dall’inizio degli anni 90 del secolo scorso, ha realizzato diverse iniziative finalizzate al rilancio del Fagiolo Poverello bianco, determinando così un maggiore interesse da parte dei produttori e dei consumatori e un conseguente aumento della superficie coltivata. In tutti questi anni, oltre che assistere singolarmente i produttori, i tecnici dell’ARSAC, con la collaborazione dei ricercatori dei suddetti Enti, hanno realizzato indagini riguardanti la tecnica agronomica, la difesa dai parassiti e la qualità della granella, pubblicandone i risultati su prestigiose riviste sia nazionali che internazionali ed in atti di convegni. Tra le caratteristiche peculiari osservate emerge che su questo ecotipo di fagiolo non sono stati riscontrati gli attacchi parassitari che, negli stessi ambienti, si verificano su altri tipi di fagioli, aggiungendo ulteriore valore ambientale ad una specie che, come tutte le leguminose, con la fissazione dell’azoto atmosferico operata dalla simbiosi con i batteri del genere Rhizobium a livello radicale entra nelle rotazioni come coltura miglioratrici delle condizioni del terreno.

 Tecnica colturale

La semina del fagiolo Poverello bianco si effettua entro la prima metà del mese di giugno. La raccolta dei baccelli secchi avviene manualmente nel mese di ottobre o all’inizio di novembre dipendendo la maturazione dall’andamento climatico oltre che dall’epoca di semina e dall’altitudine dei campi. Alla realizzazione della resa in granella contribuiscono la fertilità del terreno, l’epoca di semina e l’andamento climatico. Si registrano abitualmente rese in granella secca che vanno da un minimo di 10 ad un massimo 15 q/ha. La tecnica di coltivazione tradizionale prevede la preparazione del terreno mediante aratura con bivomere e successiva frangizollatura o fresatura per la preparazione del letto di semina che tradizionalmente avveniva in postarelle (fossarelle) di forma quadrata con lato di circa 30-40 cm, deponendo in ognuna da 5 – 6 a 10 – 12 semi a seconda della dimensione e della distanza tra esse. Le postarelle venivano disposte in file distanziate 60 – 80 cm una dall’altra e lungo la fila quasi contigue. Trattandosi di piante rampicanti, dopo la semina, o comunque, entro la prima settimana dall’emergenza delle piantine, si mettono i paletti, generalmente di castagno ricavati dai sottoprodotti del taglio del bosco ceduo. Negli ultimi anni, in alternativa alla tecnica tradizionale della postarella, anche su suggerimento del Ce.D.A. n. 2 dell’ARSAC, si è diffusa la semina continua lungo file distanziate di circa 100-150 cm. Ciò facilita, in sostituzione dei paletti, l’adozione della rete di plastica sostenuta da pali più robusti. In questo caso per la semina si può utilizzare una comune seminatrice pneumatica di precisione utilizzata generalmente per la semina del mais e di altri tipi di fagioli. Con questo metodo si risparmia manodopera e si agevolano le altre operazioni colturali alcune delle quali possono essere eseguite meccanicamente con mezzi di ridotte dimensioni come i comuni motocoltivatori. I sistemi irrigui più usati sono quelli a scorrimento e per aspersione anche se si sta diffondendo l’uso dell’irrigazione a microportata di erogazione con manichette onde evitare la bagnatura della chioma. L’eliminazione delle erbe infestanti avviene manualmente se si adotta il sistema tradizionale di semina a fossarelle ma, può essere meccanizzata nel sistema di semina a file con rete verticale. Per quanto riguarda l’apporto nutrizionale, la tecnica attualmente in uso è prevalentemente quella tradizionale che non prevede concimazioni chimiche ma solo letamazioni con circa 200 q/ha di letame maturo distribuito in due tempi prima dell’aratura e al momento della preparazione del terreno per la semina.

tecnica-coltivazione-poverello

Tecnica moderna di coltivazione a file. – Tecnica tradizionale di coltivazione a “postarelle”.

La qualità

Campioni di fagiolo Poverello bianco proveniente dal territorio di produzione sono stati analizzati presso i laboratori dell’Istituto di Bioscienze e Biorisorse del CNR di Bari per la determinazione della frazione proteica e il profilo elettroforetico per determinare l’omogeneità delle produzioni (Lioi et al., 2003). La frazione proteica dei semi di fagiolo è in larga parte costituita da due gruppi di proteine: la faseolina e la fitoemoagglutinina. Entrambe presentano una certa variabilità e vengono usate come marcatori biochimici. In particolare, attraverso i pattern di faseolina è possibile risalire all’origine andina o mesoamericana del fagiolo che sono i due centri di domesticazione della specie (Lioi et al., 2003). Il profilo di tipo C della faseolina indica una origine andina del fagiolo Poverello bianco. Il profilo elettroforetico di estratti proteici da semi singoli è utilizzato per determinare l’omogeneità delle partite. Il fagiolo Poverello bianco si caratterizza per il seme grosso (peso dei 100 semi > 40 g), di forma ovale con tegumento bianco privo di screziature. I campioni analizzati hanno mostrato un contenuto in umidità più alto rispetto ai valori consueti che di solito oscillano tra il 9 e l’11%; un elevato contenuto proteico che risulta mediamente del 26 % e alti valori di proteine solforate di cui le leguminose sono notoriamente carenti. Molto alto è anche il contenuto in inibitori della tripsina. Va tuttavia ricordato che questa classe di inibitori si riduce notevolmente durante la cottura per cui non costituisce un problema per l’alimentazione umana. D’altro canto, alcuni studi hanno suggerito anche un ruolo attivo degli antitripsinici nei meccanismi di resistenza della granella ai parassiti di magazzino. Una ulteriore caratteristica di pregio del Poverello bianco è la bassa percentuale di tegumento, un parametro interessante perché legato sia al tempo di cottura che alla gradevolezza del prodotto cotto. Interessanti sono anche la rapidità e l’uniformità di imbibizione dei semi come attestato da valori dell’indice di idratazione pari o superiore al 50% dopo appena 3 ore. Infatti, il peso dei semi risulta quasi raddoppiato dopo 24 ore di imbibizione. Interessante è anche il ridotto tempo di cottura come pure la mancanza di semi rotti al termine della medesima. Rispetto ai campioni di Poverello bianco analizzati in precedenti studi, le maggiori discordanze sono state rilevate per il peso dei 100 semi, l’indice di idratazione e il tempo di cottura che sono fortemente influenzati dall’andamento climatico durante la fase di accrescimento e maturazione del prodotto (Lioi et al 2003).

 

Aspetti economici

I programmi di valorizzazione realizzati dall’ARSAC per il Fagiolo poverello bianco hanno determinato l’aumento dei consumatori sia tra i residenti nel territorio del Parco Nazionale del Pollino che tra i non residenti anche stranieri. All’aumento della domanda di questo prodotto è corrisposto un aumento del prezzo che ha stimolato la produzione. Attualmente il fagiolo Poverello bianco si commercializza sia sfuso che in confezioni sottovuoto di 700 e 350 grammi. Da un’analisi economica della coltivazione è emerso che potenzialmente da un ettaro è possibile ottenere una produzione media di circa 13 quintali di granella secca, che, ad un prezzo medio di vendita pari a circa 10,00 €/kg, fornirebbe una Produzione Lorda Vendibile (PLV) di circa 13.000,00 €. Considerato che i costi espliciti sostenuti per un ciclo produttivo sono mediamente il 40% del valore della PLV, quindi pari a circa 5200,00 €, si deduce un probabile reddito di circa 8.000,00 €/ha. Un valore aggiunto deriva dalla utilizzazione di questo fagiolo insieme ad altri nostri prodotti di eccellenza nella ristorazione locale. Facendo esplicito riferimento a questa realtà economica e con lo scopo di promuovere consapevoli iniziative imprenditoriali degli agricoltori, nel corso degli anni ed anche più recentemente, abbiamo dato particolare importanza ad azioni formative specifiche, dirette a giovani agricoltori, svolgendo alcuni seminari riguardanti le tecniche di coltivazione del Fagiolo poverello bianco insieme ad altri ecotipi locali di legumi nell’ambito di uno sviluppo complessivo dell’orticoltura tipica del pollino con i possibili risultati economici. Questa programmata azione di formazione ha stimolato anche la nascita di una società cooperative la “Pollino Food Experience con sede a Mormanno, formata da giovani agricoltori con alto livello culturale (alcuni laureati) che produce Fagiolo poverello biancoLenticchia di Mormanno e altri legumi, oltre a specie orticole e cereali tipici. Altri giovani produttori singoli, nel territorio del Pollino, hanno avviato la propria azienda per la produzione di questo e altri ocotipi locali di legumi. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Pollino Sviluppo ha contribuito al rilancio della coltivazione del Fagiolo Poverello bianco, con l’attivazione di microfiliere specifiche nei Piani di Sviluppo Locale (PAL), nell’ambito degli ultimi due Piani di Sviluppo Rurali (PSR) regionali, finanziando alcuni interventi di ammodernamento aziendali a favore di giovani produttori singoli e/o associati.

Il riconoscimento della Denominazione Comunale (De.Co.)

I Comuni di Mormanno, Laino Castello e Laino Borgo, considerata la qualità e l’importanza economica del prodotto, di recente, in comune accordo, hanno istituito la Denominazione Comunale (De.Co.) per il Fagiolo Poverello bianco. È uno dei pochi casi in cui Comuni limitrofi riconoscono allo stesso prodotto agricolo un’unica De.Co.. L’ARSAC ha contribuito a questo importante riconoscimento fornendo la collaborazione necessaria ai tre Comuni con riunioni tra amministratori e produttori, con la predisposizione del disciplinare di produzione, ecc..

 Conclusioni

Alla luce delle caratteristiche descritte e del riconoscimento della De.Co., anche questo eccellente ecotipo, oltre a contribuire all’ulteriore affermazione di un’agricoltura a basso impatto ambientale e alla salvaguardia della biodiversità, rappresenta un’altra opportunità di reddito anche per le giovani generazioni. La coltivazione del Fagiolo poverello bianco, al pari di altre colture orticole tipiche del Pollino, è perfettamente inserita in area ricca di peculiarità naturalistiche, paesaggistiche e archeologiche, dove il turismo gastronomico e di prossimità è facilmente coniugabile con altre forme di turismo come quello naturalistico, sportivo e culturale. Attualmente, come risulta anche da una recente indagine sulla biodiversità condotta in collaborazione con l’Ente Parco Nazionale del Pollino, i produttori di Fagiolo poverello bianco, nel territorio dei comuni di Mormanno, Laino Castello e Laino Borgo, oltre a svolgere il ruolo di agricoltori custodi della biodiversità ai sensi della L. 194/15, coltivano l’ecotipo con tecniche a basso impatto ambientale, senza uso di prodotti chimici di sintesi, ottenendo un prodotto di alto pregio con un mercato di nicchia che non ha ostacoli all’espansione.

 

L’Arsac nell’ambito del programma di lavoro sulla salvaguardia della biodiversità vegetale e animale di interesse agrario condotto dall’Azienda ha avviato, anche per questa varietà di fagiolo, una serie di attività riguardanti l’individuazione, la raccolta, la moltiplicazione, la conservazione, la raccolta documentale e la valorizzazione del prodotto nel territorio di origine. Quest’attività di recupero che l’Ente svolge da anni, è rafforzata dal provvedimento legislativo, la legge regionale n. 14 del 2018, di cui si è dotata la Regione Calabria per salvaguardare e tutelare tutta la Biodiversità agraria regionale.

Leggi anche:  Biodiversità: il fagiolo “Merulla”

 

Publicato da Arsac Ufficio Marketing Territoriale

error: Contenuto protetto