dop igp stg

Revisione del sistema UE delle indicazioni geografiche – Consultazione pubblica

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica riguardante i regimi di qualità dell’UE con la quale invita i cittadini e le organizzazioni nonché le autorità nazionali e regionali a contribuire alla valutazione delle modalità per potenziare il sistema delle indicazioni geografiche. La finalità è raccogliere pareri sui principali problemi da affrontare in occasione della revisione prevista, sulle loro cause soggiacenti, sulle possibili opzioni strategiche e sugli effetti da queste derivanti.

I regimi di qualità dell’Unione Europea hanno la finalità di proteggere i nomi di determinati prodotti per promuoverne le caratteristiche uniche, legate alla loro origine geografica e alle competenze radicate nella regione. I nomi dei prodotti rientrano nel sistema dei diritti di proprietà intellettuale dell’UE, che li tutela giuridicamente contro imitazioni e abusi.

Nello specifico i prodotti agroalimentari e i vini sono protetti come denominazioni di origine protetta (DOP), indicazioni geografiche protette (IGP) e specialità tradizionali garantite (STG). Le bevande spiritose (destinate al consumo umano, con caratteristiche organolettiche particolari, titolo alcolometrico minimo del 15 %, prodotte secondo quanto riportato nell’articolo 2 del regolamento CE n. 110/2008) sono protette come indicazioni geografiche (IG).

L’Unione europea tutela quasi 3400 denominazioni di prodotti specifici (prodotti agroalimentari, prodotti della pesca e dell’acquacoltura, vini, bevande spiritose e prodotti vitivinicoli aromatizzati). Questi prodotti rappresentano un enorme valore economico, considerato che il valore delle vendite dei prodotti con nome tutelato è in media il doppio rispetto a quello di prodotti simili senza certificazione.

L’Italia con i suoi 876 riconoscimenti è lo Stato dell’UE che ne ha il maggior numero.

La Calabria dispone un patrimonio agroalimentare, tutelato a livello comunitario, costituito da 13 produzioni a Denominazione d’Origine Protetta (DOP) e 6 a Indicazione Geografica Protetta (IGP) a cui si aggiungono 9 denominazioni di origine controllata (DOC) e 10 indicazioni geografiche tipiche (IGT) nel settore dei vini. Completano il quadro delle eccellenze agroalimentari del territorio regionale, i 269 prodotti agroalimentari tradizionali della Calabria iscritti nell’Elenco nazionale.  

Clicca qui per i prodotti di Qualità in Calabria  

Il questionario è disponibile in tutte le lingue dell’Ue e lo si può compilare tramite il sito web della Commissione europea dedicato alla consultazione che resterà aperta fino al 9 aprile 2021.

Link per partecipare

Publicato da Arsac Ufficio Marketing Territoriale

error: Contenuto protetto