cara-cara-web

Arancio Cara Cara: valutazione caratteristiche qualitative e produttive presso il CSD Arsac di Mirto Crosia

Presso il Centro Sperimentale Dimostrativo Arsac  di Mirto Crosia (CS) nel maggio del 2016 è stata avviata una prova sperimentale di coltivazione e di adattamento, alle condizioni pedoclimatiche della Piana di Sibari, di 8 piante di arancio varietà Cara Cara innestato su Citrange Carrizo.

La varietà Cara Cara, mutazione spontanea di Washington Navel originaria dell’hacienda de Cara Cara di Valancia (Venezuela), si caratterizza per una maturazione tardiva da fine gennaio ai primi di marzo, e per la pigmentazione rosa della polpa dovuta ad un’alta concentrazione di licopene che conferisce un gusto estremamente gradevole e particolare ai frutti.

Per la valutazione sono stati presi in considerazione i seguenti parametri relativi alla qualità dei frutti: forma, dimensione e colore,  zuccheri, acidità, % succo, epoca di maturazione  e apirenia.

Risultati

I primi rilievi hanno evidenziato:

  • Pianta: di vigore medio e senza spine
  • Entrata in produzione: dal terzo anno
  • Produzione: stimata al 5° anno circa 45 kg/ pianta;
  • Frutti: forma sferica senza semi con buccia di spessore medio e colore arancio intenso, la polpa pigmenta già da fine novembre

Caratteristiche qualitative le analisi al 15 febbraio hanno evidenziato:

  • zuccheri al 11,5 %
  • acidità 0,75 con un rapporto di maturazione SS/A = 15,3  
  • % succo del 54%.

Conclusioni

I rilievi effettuati per valutare le caratteristiche produttive e qualitative dell’arancio Cara Cara hanno evidenziato un buon adattamento alle condizioni pedoclimatiche della zona, tali da rendere l’agrume potenzialmente interessante per l’agrumicoltura della Piana di Sibari.

L’agrume infatti, oltre all’epoca di maturazione (Fine Gennaio – Inizio Marzo) che può contribuire ad allargare il calendario di commercializzazione, evidenzia una ottima qualità dei frutti ed una alta concentrazione di licopene antiossidante che contribuisce a ridurre il rischio di sviluppare vari tipi di tumori  e malattie cardiache.

Dr. Antonio Di Leo

Arsac Centro Sperimentale Dimostrativo Mirto Crosia

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

Publicato da Arsac Ufficio Marketing Territoriale

error: Contenuto protetto